Il Bernoccolo #109 🎤 Calmtainment, il business della tranquillità

Fino a qualche anno fa, la parola “tranquillo” era sinonimo di noioso.
Almeno nell’entertainment.

Basta guardare l’evoluzione del montaggio dei film negli ultimi 80 anni: sempre più veloce, con inquadrature via via più brevi e al tempo stesso più movimentate.

Fino a qualche anno fa, sembravamo una società alla ricerca disperata di emozioni forti.

La chiameremo “epoca Michael Bay”.

Dopodiché, qualcosa deve essersi rotto. Troppi stimoli, troppa velocità, e ora anche l’ansia perenne di una pandemia che ci tiene svegli la notte. Abbiamo iniziato a cercare la calma. Prima discretamente, guardando su YouTube video che all’epoca apparivano strani, come ad esempio il viaggio di un treno dal punto di vista di un macchinista.

Poi pian piano questa esigenza è venuta a galla, si è fatta business. L’entertainment si è incrociato con la mindfulness e abbiamo iniziato a cercare la calma anche nelle nostre app: Headspace, Ten Percent Happier e Calm, che è oggi valutata più di 2 miliardi di dollari. La promessa di serenità muove cifre importanti, tanto da attrarre le attenzioni di Netflix e BBC.

Qualcuno lo chiama “Calmtainment”, un intrattenimento basato sulla calma. Ma oltre ad essere un grande business, è anche una nuova grammatica per le storie dei nostri tempi. Meno azione, più contemplazione. 

Insomma, diamoci una calmata.


🎶 La musica di questa puntata è Hello I’m James Halliday della colonna sonora di Ready Player One 🎶

Benvenuti alla puntata numero 108 de “Il Bernoccolo”, il podcast che parla di comunicazione, tecnologia e cultura nel mondo post-digitale. Questa è la puntata del 15 Marzo 2021.

Con Andrea Ciulu e Pasquale Borriello.

Ascolta la puntata


I link commentati in questa puntata