Il Bernoccolo #114 🎤 Superlega vs Metaverso

Viviamo in tempi strani, in cui non ci basta più creare prodotti, vogliamo creare dei mondi. Mondi in cui il consumatore o spettatore si trasferisca armi e bagagli, senza possibilità di uscita, un po’ come succede a Las Vegas. Non vogliamo più intercettare il nostro pubblico, vogliamo possederlo.

È successo anche nel calcio, con la disavventura della Superlega, il campionato europeo delle supersquadre naufragato prima di lasciare il porto. Un tentativo affrettato di creare un mondo chiuso, con regole proprie.

Tanto, troppo si è detto di questa vicenda, ma sono interessanti le giustificazioni offerte da Andrea Agnelli, che ha detto “Il calcio sta vivendo una crisi di appeal presso le nuove generazioni. I giovani giocano a FIFA, a Fortnite, a Call of Duty. Serve una competizione in grado di contrastare quello che loro riproducono sulle piattaforme digitali, trasformando il virtuale in reale”. 

La sensazione di Agnelli è corretta, ma la risposta è inadeguata. Perché il calcio oggi non si confronta semplicemente con dei giochi, ma con il metaverso. Un mondo virtuale permanente in cui il pubblico di cui parla Agnelli - e non solo - potrà fare qualunque cosa. Fare shopping, andare a un concerto, incontrarsi con gli amici e magari sì, anche giocare.

Il metaverso è una fantasia? Forse un anno fa. Oggi i player che ci stanno lavorando sono valutati miliardi di dollari e le loro mosse sono quanto mai concrete. 

A questo punto o sei dentro, o sei fuori.


🎶 La musica di questa puntata è End Titles dal film News Of The World 🎶

Benvenuti alla puntata numero 114 de “Il Bernoccolo”, il podcast che parla di comunicazione, tecnologia e cultura nel mondo post-digitale. Questa è la puntata del 26 Aprile 2021.

Con Andrea Ciulu e Pasquale Borriello.

Ascolta la puntata


I link commentati in questa puntata


Iscriviti alla Newsletter per ricevere tutti i contenuti esclusivi